Nell’ambito delle iniziative di promozione della lettura avviate dal Sistema Bibliotecario Coros Figulinas, si inserisce il convegno che si è svolto a Florinas il 25 novembre 2006, presso la sala teatro delle scuole elementari dal titolo: “Le parole e immagini a tavola : il cibo come cultura e comunicazione”.

L’organizzazione è stata affidata alla Società Umanitaria con la collaborazione del Comune di Florinas, della Slow Food di Sassari, della Regione Autonoma della Sardegna, della Comes (Cooperativa Mediateche Sarde) e delle Cantine Soletta.

Il Convegno rivolto a studenti, insegnanti e alla comunità stessa, ha proposto una riflessione sul rapporto del cibo con la letteratura e il cinema, alla ricerca di quel legame che unisce il piacere della lettura con il piacere del cibo.

La Biblioteca di Florinas ha come specializzazione “La storia dell’alimentazione” e la giornata del 25 ha avuto lo scopo di divulgare all’interno del territorio la propria specializzazione e sviluppare una comunicazione atta a favorire la conoscenza dei servizi offerti dalla biblioteca.

La giornata del convegno è stata articolata in due momenti, al mattino sono stati proposti due laboratori sui percorsi sensoriali, rivolti agli studenti delle scuole elementari e delle scuole medie, dal titolo: “Mi fai senso cinque volte”, curati dall’Associazione Cicale di Alghero, che ha ricevuto il consenso dei ragazzi e dei loro rispettivi insegnanti; nel pomeriggio invece alla tavola rotonda sono intervenuti illustri ospiti che si sono confrontati sui temi specifici del convegno.

Dopo il saluto degli amministratori sono interventi al dibattito, il giornalista pubblicitario Aldo Brigaglia sul tema “Cibo e identità. La Sardegna vista dai viaggiatori stranieri”, la docente di Storia e critica del cinema, Lucia Cardone, con la relazione “Il cibo della memoria. Percorsi audiovisivi nel desco dei ricordi”. Successivamente è intervenuta l’editrice Anna Molino, arrivata per l’occasione da Torino che nella sua relazione “Le parole del gusto.

Il connubio tra letteratura e cucina” ha raccontato la sua esperienza d’editrice di una collana chiamata “Leggere è un gusto” interamente dedicata al tema e a conclusione dei lavori è intervenuta la fiduciaria della Slow Food, Fabrizia Fiori, con il suo intervento “Slow Food. 20 anni di valorizzazione della cultura enogastronomia dei nostri territori”. Tutti gli interventi sono stati intervallati dalla lettura di pagine letterarie dedicate al cibo curate dell’attore Roberto Vecchiocattivi.

La Società Umanitaria ha anche curato la visione dei cortometraggi provenienti dalla Slow Food Film Festival, due dei quali sono stati proiettati uno al mattino dedicato ai ragazzi, e uno nel corso della serata dedicato agli adulti.

Nella sala dove si è tenuta la conferenza è stato possibile visitare la mostra sull’alimentazione, allestita in occasione del convegno e arricchita dal materiale proveniente dalle biblioteche del Sistema Bibliotecario. La giornata si è conclusa all’insegna della degustazione di prodotti tipici dei “Presidi del gusto” e dei vini della Sardegna.

La finalità del convegno è stata quella di far avvicinare un sempre più numeroso pubblico alla biblioteca e divulgare la cultura del gusto e della letteratura.