Venerdì 30 gennaio alle ore 18:00 presso i locali della Biblioteca comunale il saggista Mauro Maxia presenterà "Marantoni". Il linguista perfughese, docente di lingua e letteratura sarda, debutta con il romanzo "Marantoni" tra gli scrittori in limba. Relatore della serata prof. Salvatore Puggioni.

IL LIBRO

"Si può essere possessori della terra, o è la terra, piuttosto, che ci possiede ancor prima che si muoia?". Con queste domande Marantoni comincia le sue riflessioni sui valori della vita. E lo fa misurandoli secondo il metro delle sue esperienze personali, lungo un percorso che a partire dall'inizio del XX secolo si chiude negli ultimi anni dello stesso secolo. Non sono pochi i Sardi che potrebbero riconoscersi nel percorso di vita di questo uomo. Una trama che è anche un modo per seguire una parte della storia della Sardegna del secolo scorso, ma vista attraverso gli occhi di un uomo che l'ha vissuta sulla sua pelle. "Credo che, almeno fino a quando c'è qualcuno che parla di noi e ci ricorda, non siamo morti del tutto", dice Marantoni dalla sua tomba, "e questo ci dà una sorta di diritto di continuare a parlare". E in questo discorso la memoria va dall'infanzia trascorsa appresso alle capre fino alla partenza come soldato volontario in Libia; dai lavori sul lago Omodeo a quelli sul lago Coghinas e a quelli della ferrovia Sassari - Palau; dalle convinzioni politiche alla malevolenza di invidiosi e ingrati; dalla storia di un amore lungo come una vita alle disgrazie che quella stessa vita hanno marcato a fuoco.

L'AUTORE

Mauro Maxia è uno studioso con abilitazione scientifica nazionale come docente universitario di linguistica e filologia italiana. Ha insegnato negli atenei di Cagliari e Sassari ricoprendo vari incarichi di lingua, letteratura, dialettologia e onomastica della Sardegna. Membro di comitati di studi e ricerche, è intervenuto a molti convegni nazionali e internazionali. È autore di oltre un centinaio di lavori a stampa tra cui una ventina di libri su temi di filologia, dialettologia, fonetica, sociolinguistica, etimologia e onomastica anche con riflessi in ambiti microstorici. Ha ricostruito la storia della lingua della Sardegna settentrionale studiando a fondo gli idiomi sardo-corsi. Autore di progetti, ricerche e inchieste su specifiche situazioni linguistiche dell'Isola, nel 2013 ha ricevuto il Premio Nuraghe per la Cultura per il suo impegno nella diffusione della conoscenza

L'evento è promosso ed organizzato dalla Biblioteca comunale di Codrongianos in collaborazione con l'Amministrazione comunale, il Sistema bibliotecario Coros Figulinas e la cooperativa Co.Me.S.

Per info: Biblioteca comunale di Codrongianos, Via Roma, 8
Tel 079/434234 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
skype: biblioteca.codrongianos
https://www.facebook.com/bibliotecacomunale.codrongianos

Codro Maxia